Aggiornamento settimanale

Sardegna, botta e risposta tra Murgia e Cappellacci: "Schettino della politica", "sei come la Concordia"

Scambio di battute al veleno tra i candidati alle elezioni regionali in Sardegna, dove si voterà il prossimo 16 febbraio. Ad "aprire il fuoco" è Michela Murgia, scrittrice e candidata per una lista indipendente, definisce il presidente in carica Ugo Cappellacci "lo Schettino della politica.... More »

Legge di Stabilità, Alfano non vota la fiducia

"Certamente il presidente del Consiglio, Enrico Letta, non ha potuto votare la fiducia sulla legge di Stabilità, perché impegnato a Bruxelles per il Consiglio Ue", spiega Il Mattinale, la nota politica redatta dallo staff del gruppo di Forza Italia della Camera dei deputati, dove è st.... More »

Nardella: Renzi è un barbaro che fa paura ai poteri forti

  Parla Dario Nardella, il fedelissimo di Renzi, il braccio destro del premier incaricato che, in un'intervista al Corriere della Sera fa una serie di considerazione sul futuro di Matteo, sul suo possibile governo e anche sul Pd. "Matteo è un vero leader di popolo". Nardella spiega che Ren.... More »

Noexpo, Matteo Renzi commenta la devastazione di Milano: "Quattro teppistelli figli di papà non rovineranno l'Expo"

"Quattro teppistelli figli di papà non riusciranno a rovinare Expo". Matteo Renzi decide di commentare la devastazione del centro di Milano ad opera di qualche centinaio di black bloc, anche se solo il giorno dopo in un'intervista al Tg2: "Milano è molto più forte come spirito e determinazione di.... More »

Silvio Berlusconi, la tentazione: un nuovo partito dopo le elezioni regionali

Chi è riuscito ad intercettarlo parla di un Silvio Berlusconi cupo e furibondo. Si è preso una breve pausa, il Cav, ed è volato in Sardegna con i figli, Francesca Pascale e Maria Rosaria Rossi. A turbarlo, su tutto, c'è il caso Raffaele Fitto. Così come lo turbano i malumori di altri esponenti .... More »

I 4 senatori a vita agitano Berlusconi: "Faccio cadere tutto"

Silvio Berlusconi fa il “falco”. Dopo la nomina di Rubbia, Cattaneo, Abbado e Piano a senatore a vita, il Cav teme un ribaltone. Il Pdl è sul piede di guerra. I “nominati” da Napolitano non convincono, soprattutto per il curriculum anti-Cav che si portano dietro. Così Berlusconi prova a prendere in contropiede Letta e lo mette in guardia da qualunque progetto politico che escluda il Pdl e il suo leader dai giochi.”Se cado io, cade Letta” –  All’orizzonte c’è il voto della giunta sulla decadenza da senatore così Silvio avverte: “Sarebbe disdicevole se il governo cadesse ma naturalmente non siamo disponibili a mandare avanti un governo se la sinistra dovesse intervenire su di me, sul leader del Pdl, impedendogli di fare politica”, ha affermato il Cav in collegamento con in collegamento con Bassano del Grappa dove è riunita una rappresentanza dell’Esercito si Silvio. “Pacificazione solo a parole” – Poi il Cav invoca ancora quella “pacificazione” promessa dal Colle e dalla sinistra, ma che nei fatti non c’è mai stata: “Abbiamo fatto le larghe intese, di pacificazione per vedere se si potesse mettere fine alla guerra civile, quella guerra fredda partita dopo il ’48 invece avete visto quello che e’ successo siamo ancora in mezzo al guado. Ora si ripete ancora la stessa situazione, perchè attraverso delle misure giudiziarie che nulla hanno a che vedere con la democrazia, si cerca di togliere di mezzo il sottoscritto che per vent’anni è stato considerato ed è ancora considerato un ostacolo insormontabile dalla sinistra per tenere il potere”. Letta “molla” il Cav – Ma Enrico Letta, dalla festa del Pd di Genova abbandona il Cav al suo destino: “Non ci sono margini di trattativa sulla decadenza da senatore per Silvio Berlusconi. La questione è molto semplice: non credo ci siano molti margini, la separazione tra il piano politico e giudiziario è necessario”, ha detto il premier aggiungendo: “Se il governo si mettesse ad occuparsi di altre questioni non farebbe il suo dovere” (I.S.)

Continue Reading

I 4 senatori a vita agitano Berlusconi: "Faccio cadere tutto"